Dopo alcuni mesi in cui non ho purtroppo avuto tempo da dedicare a questa pagina ritorno a scrivere.

Avendo iniziato questo percorso verso la fotografia di matrimonio è arrivato il momento di fare una riflessione.

Come in ogni settore della fotografia bisogna per prima cosa amare quello che si fotografa per riuscire ad interpretarlo nel migliore dei modi.

In questo caso l’unione di due persone, l’amore, la condivisione con qualcun’altro della propria vita e la famiglia.

Ogni matrimonio lo ammetto per me è un emozione, la fotografia di matrimonio riesce a trasmettermi emozioni che altri tipi di fotografia non riuscivano a darmi. Ti senti coinvolto, quasi quanto un genitore, quando hai il privilegio di fotografare ogni momento della giornata dalla preparazione al taglio della torta, sempre in prima fila.

Dopo aver fatto i miei primi matrimoni, ho dedicato molto del mio tempo allo studio della fotografia di reportage e non solo. Ogni fotografo ha il suo punto di vista e il suo modo di approcciarsi al contesto che sta fotografando. Facendo anche parte di un’associazione di fotografi di matrimonio ho modo di confrontarmi con altri fotografi a livello nazionale e quello di cui mi sto rendendo conto è che mentre tra noi dell’associazione c’è un certo livello di cultura dell’immagine e della fotografia, fuori dal nostro gruppo c’è tanta ignoranza ( non voglio offendere nessuno con questo termine ).

Purtroppo penso che il 70%, se non di più, dei futuri sposi abbia veramente poco presente su cosa sia la fotografia di matrimonio e di come questa si stia evolvendo rispetto al passato, tanto che spesso la scelta ricade sul vecchio fotografo di bottega senza porsi troppe domande. Non so perché ma spesso questi fotografi sono rimasti alle tecniche fotografiche degli anni ’80/’90 con risultati veramente “vintage” e un uso, anzi direi abuso, degli strumenti di foto ritocco.

Ho visto con i miei occhi fotomontaggi come corridoi della chiesa che si incrociano e nella stessa foto si vede l’ingresso dello sposo e della sposa, sposi tra le nuvole, pelli lisce da bambola, ce ne sarebbe una lista infinita ma mi fermo qua…  Siete sicuri che è questo quello che cercate ? Sicuramente queste persone vi faranno dei preventivi allettanti, comprensivi di album e video. Ma spendete migliaia di euro per vestiti, location, acconciature, catering e siete disposti a risparmiare sull’unico fornitore che vi lascerà un ricordo tangibile del vostro matrimonio ?

In pochi sanno che in Italia esiste un associazione di fotografi di matrimonio che si chiama ANFM e coloro che sono presenti devono garantire una certa qualità per i servizi che offrono… Io ne faccio parte e se non scegliete me come fotografo perché non vi piacciono le foto o perché non siete convinti della mia offerta provate a cercare su ANFM sicuramente qualsiasi sia la vostra scelta, colui selezionato saprà fare il suo lavoro!

A breve su questo blog troverete gli scatti di questa nuova stagione 2015, a iniziare dal pre-wedding / engagement ( quello che io chiamo Save the Date )